Logo del consorzio dell'asparago bianco di Bassano del Grappa DOP

Il prodotto

Un prodotto unico

La Denominazione di Origine Protetta (DOP) è il marchio europeo che identifica i prodotti locali che presentano particolari caratteristiche di qualità e tipicità. La DOP è stata ottenuta dall'Asparago Bianco di Bassano del Grappa nel novembre 2007, grazie alle sinergie tra Coldiretti, altre Associazioni di categoria, Amministrazioni Comunali e dall'Associazione per la tutela e la valorizzazione dell’asparago bianco di Bassano D.O.P.

L'origine del prodotto oggi viene garantita dall'iscrizione dei produttori e dei confezionatori in un apposito elenco tenuto dall' Organismo di controllo, i quali devono assicurare la rintracciabilità del prodotto in ogni fase della filiera attraverso:

l'iscrizione, per ciascuna campagna produttiva, dei terreni coltivati ad Asparago Bianco di Bassano nell’elenco depositato presso la sede dell'Organismo di controllo;

l'indicazione degli estremi catastali dei terreni coltivati ad Asparago Bianco di Bassano e, per ciascuna particella catastale, la ditta proprietaria, la ditta produttrice, la località, la superficie coltivata ad Asparago Bianco di Bassano;

la registrazione dei codici progressivi di numerazione dei mazzi marchiati, in un apposito registro, compilato dai produttori e tenuto dagli stessi a disposizione dell'Ente di controllo per le verifiche.

24kcal / 100gr

Povero di grassi

Ricco di vitamine e minerali

Un prodotto sano

L'asparago viene considerato un ottimo depurativo e diuretico e favorisce il drenaggio epatico e renale. Facilita anche la digestione perché ricco di fibre lunghe. E' un grande alleato per contrastare le situazioni di astenia fisica e mentale, i processi di demineralizzazione e le palpitazioni.

L'asparago è quindi un alimento particolarmente indicato nelle diete dimagranti, a patto che si usino con parsimonia i condimenti grassi cui si accompagna. Gli esemplari più giovani e teneri, se di recentissima raccolta, si possono consumare crudi, tagliati in sottilissime fettine.
Per salvaguardare il patrimonio vitaminico e preservare la consistenza dell'ortaggio è bene lessare gli asparagi in poca acqua, o ancor meglio cuocerli a vapore.
E' comunque consigliabile evitarlo nei casi di affezioni del ricambio, quali cistiti, calcolosi renali e vescicali, nelle affezioni epatiche e, secondo alcuni autori, nei casi di reumatismi articolari acuti, iperuricemia e gotta, per evitare di aumentare i processi infiammatori in atto.